STAMPA
Barra navigazione schede
  Breille
 

La stampa del Braille è il servizio rivolto agli enti privati e pubblici che hanno la necesità di comunicare con i non vedenti e a case editrici specializzate nella stampa di tali opere editoriali . Oltre alla stampa offriamo un servizio di composizione ed impaginazione ed a richiesta forniamo gli impianti di stampa.

 
COMPOSIZIONE E STAMPA OPERE IN BRAILLE

Il nostro reparto di fotocomposizione è in grado di realizzare opere editoriali in metodo braille, le quali verranno realizzate con la massima attenzione, fornendo al committente una prima bozza per la correzione di eventuali errori, successivamente verranno eseguite le correzioni indicate per poi effettuare una seconda bozza per il riscontro. Una volta terminato il lavoro di preparazione verranno effettuati gli impianti di stampa tipografici, che possono contenere anche immagini leggibili al tatto.

 
La lettura di una pagina braille utilizzando la sensibilità dei polpastrell ai punti in rilievo che definiscono la letterai.
Conversione dell'alfabeto in punti a rilievo breille.
   
   
La lettura del Braille può essere effettuata con entrambe le mani in modo da renderla scorrevole. Particolare di un foglio stampato in Braille. Si possono notare i punti in rilievo. Cliche di stampa per il Braille. Ogni clichè è composto da un mascjhio ed una femmina.
 

Il linguaggio Braille, consiste in simboli formati da un massimo di sei punti, impressi a rilievo su fogli di carta spessa o PVC. Le caselle che contengono i 6 punti hanno una grandezza di circa 3 × 2 millimetri.
I caratteri di questo sistema segno-grafico possono anche essere riprodotti mediante una macchina detta "dattilobraille". Questa macchina è formata principalmente da sei tasti e ogni tasto imprime un punto sulla carta, più il tasto spaziatore per separare le varie parole. Con la "dattilobraille" il non vedente è in grado di sentire subito ciò che scrive.. Il sistema Braille è utilizzato anche in informatica; infatti vi sono dei dispalay tattili che riproducono caratteri ad otto punti e consentono ad un non vedente di leggere i contenuti che appaiono sullo schermo di un calcolatore. In questo caso si utilizzano due punti in più per indicare in una sola casella ad esempio il segno di maiuscola e la lettera in questione e il segue numero più il numero mentre normalmente occorrerebbe utilizzare due caselle per questo scopo.

La macchina sulla quale vengono installati i cliché per la stampa.

Copyright - © - Mario Checchini